Area myBM
Username Password  
Non ricordi i tuoi dati?
Non hai un account? Crealo!
   Benvenuti in Banconote Mondiali.it: il tuo portale sulla Numismatica!!! Facebook | Twitter | MySpace
GEN
2
  La storia della moneta greca: la dracma
La dracma, in greco Δραχµη (dracmè), era sia l’unità di peso che l’unità monetaria d'argento emessa ed usata in molte città-stato greche ed in molti regni medio orientali del periodo ellenistico. Il suo nome deriva dal verbo δραττω (dratto), che significa “afferrare” e inizialmente era la quantità di grano che si stringeva in un pugno. La dracma, quindi, in origine era pugno di 6 oboli, poi il termine passò ad indicare l'unità monetaria di base nel mondo ellenico. Della moneta vennero anche emessi i suoi multipli, il didracma (2 dracme), tetradracma (4 dracme), e i suoi sottomultipli, il triobolo (1/2 di dracma), il diobolo (1/3 di dracma) e l’obolo (1/6 di dracma). Le monete greche vengono classificate in tre periodi principali: periodo arcaico, che comprende le monete prodotte fino al 479 a.C.; periodo classico, dal 479 a.C. fino ad Alessandro Magno; periodo ellenistico, da Alessandro Magno in poi. Il sistema monetario antico era basato sul talento asiatico: l'obolo, inizialmente l'unità più piccola, in seguito fu suddiviso in otto, mentre le mine e i talenti non furono realmente emessi, ma erano in realtà misure di peso usate sia per i metalli preziosi che per le merci. Un talento equivaleva a 60 mine, una mina a 100 dracme. La tetradracma era la moneta più usata nel mondo greco fino ad Alessandro Magno. Sul diritto è raffigurata la testa di Atena, mentre una civetta, l'animale sacro alla dea, è impresso sul rovescio. Lo stesso rovescio è stato utilizzato nel lato nazionale della moneta greca da un euro. Per quanto riguarda i materiali usati, le monete d'oro avevano come unità monetaria lo statere (2 dracme), il cui peso era di circa 8,7 gr., mentre per le monete di valore inferiore veniva adoperato l'argento, con un rapporto di 1:10 con l'oro, o il rame. Dopo la conquista di Alessandro Magno, la dracma fu usata in molti dei regni ellenistici del Medio Oriente, tra cui il regno di Alessandria d'Egitto. Inoltre l’unità monetaria araba, il dirham, è derivata dall'antica dracma; infine quest’ultima fu anche la prima moneta d'argento battuta dall'antica Roma nel III secolo a.C.Le dracme sono, nella maggior parte dei casi, particolarmente plastiche nel diritto e piatte nel rovescio: ciò è dovuto alla tecnica di coniazione usata. Infatti una caratteristica comune a quasi tutte le monete greche è quella di essere battute a mano: per questo motivo esse sono caratterizzate da un elevato rilievo delle immagini. Per il pregiato livello artistico di lavorazione, le monete greche, considerate le più belle e di maggiore contenuto artistico tra tutte quelle prodotte dall'introduzione dell'uso della moneta, venivano collezionate già dal Rinascimento dagli appassionati di numismatica. Nelle collezioni esse sono divise secondo la regione di provenienza: ad esempio, per le monete prodotte in Italia, una classificazione utilizza la divisione in regioni di Augusto: Etruria, Aes grave, Umbria, Picenum, Vestini, Latium, Samnium, Frentani, Campania, Apulia, Calabria, Lucania e Bruttium. Le monete recavano raffigurazioni per lo più di divinità, (ad esempio il dio protettore della città in cui la moneta veniva emessa ed usata), o di animali e, grazie al grande numero di zecche presenti nei territori greci o di influenza greca, si verificò una notevole differenziazione di tipi monetari. Intorno al 300 a.C. Tolomeo I coniò per primo una moneta con la propria effige e ci sono pervenute anche monete che commemorano Giulio Cesare, Cleopatra e Tolomeo XIII. Riguardo la datazione delle monete greche, essa risulta difficile da stabilire, poiché le monete non riportano scritte, e quindi datazioni. L’unico sistema per stabilire approssimativamente la datazione delle monete si basa su caratteristiche stilistiche e sull’analisi dei ritrovamenti. Inoltre in alcuni casi è riportato il nome del magistrato monetario, in altri il nome del re (nei regni ellenistici). La diversificazione delle emissioni si verificò a causa del frazionamento politico del mondo greco: le città-stato emettevano monete con un peso corrispondente al proprio sistema ponderale. La quantità delle emissioni variava in base alla situazione storica e politica: Atene e Corinto, che erano grandi potenze politiche, imposero la propria valuta in regioni geografiche più vaste. Alcune città coniarono piccole quantità di monete pur di affermare la propria autonomia in determinate condizioni politiche. La colonizzazione del Mediterraneo, ma anche i semplici contatti con le regioni costiere, fece sì che la moneta greca fosse conosciuta ed usata anche in Occidente. Alcuni esempi sono costituiti dai Cartaginesi e dai Romani. E fu proprio l'avvento di Roma che pose fine all’autonomia politica della Grecia e, di conseguenza, anche la fine delle emissioni da parte di zecche greche. La dracma riapparve nel 1832, anno in cui la Grecia ottenne l'indipendenza. Nel 1868 il paese aderì all'Unione Monetaria Latina e la dracma divenne equivalente, sia nel peso che nel valore, alla lira italiana e al franco francese. Negli anni 1941-1944 la dracma perse praticamente valore a causa di un’inflazione disastrosa, che seguì all'occupazione della Grecia da parte della Germania nazista. In seguito agli eventi bellici, un nuovo aumento dei prezzi colpì la valuta greca, che venne svalutata nuovamente. Nel 1953 il paese ha aderito al sistema di Bretton Woods allo scopo di pianificare la stabilizzazione monetaria: la dracma assunse il valore di 30 dracme = 1 dollaro statunitense. Nel 1973 il sistema di Bretton Woods fu abolito. La storia della dracma è finita nel 2002 quando, in seguito all’adesione all’Unione Economica e Monetaria europea del 1 gennaio 2001 da parte della Grecia, la valuta è stata ufficialmente sostituita dall'Euro con un tasso di 340.75 dracme per un euro.

 
 
 
 
 
 
 
News
Tutte le notizie sulle banconte e monete riguardo il mondo della numismatica.
Nuove emissioni
Raccolta di articoli riguardo tutte le nuove emissioni internazionali di banconote e monete.
Collezione Gulden
Ammira la collezione nazionale ed internazionale di banconte e monete di Gulden.
Collezioni utenti
Guarda tutte le collezioni dei nostri utenti registrati. Registrati e crea la tua collezione in pochi click.
Un pò di storia
Leggi la storia dettagliata e le curiosità sulla nascita e l'utilizzo della moneta e della banconota.
Personaggi storici
Scopri chi sono i personaggi storici che si celano dietro ogni banconta e moneta.
Curiosità
Tutte le curiosità più strane, divertenti, assurde sul mondo delle monete e delle banconote.
Plastificate
Sezione dedicata a tutte le banconte plastificate che sono in circolazione nel mondo.
Commemorative
Ammira le monete commemorative emesse per ricordare personaggi o eventi.
Eventi
Scopri i luoghi e le date degli eventi nazionali: convegni, mostre e aste sul mondo numismatico.
Riviste
Sezione dedicata alla riviste che trattano l' argomento banconote e monete.
Banknotes Art - Test Note
Esposizione di Banknotes Art e delle Test Note.
 
 
 
 
Albo dei venditori
Iscriviti all'albo ufficiale dei venditori di banconote e monete di BM.it per farti conoscere nella rete.
Catalogo mondiale
Visita il catalogo mondiale delle banconote. All'interno troverai le nostre valutazioni.
Inserisci la tua collezione
Registrati e inserisc in modo facile la tua collezione di banconote e monete in pochissimi click.
Account myBM.it
Registrati e crea il tuo nuovo account con BanconoteMondiali.it per usufruire di tanti servizi.
Forum
Apri argomenti e discuti con gli altri utenti ed esperti sul mondo della numismatica.
Chat
Zona del sito per chiacchierare in compagnia di altri collezionisti di BanconoteMondiali.it
BM sul tuo cell e palmare
BanconoteMondiali.it ora è può essere visitato anche tramite cell e palmare.
Sondaggi
Qui puoi dare la tua opinione su alcuni sondaggi creati dallo staff riguadanti la numismatica.
Concorsi
Scopri i concorsi banditi da BM.it. In palio ci sono stupendi regali per tutti i collezionisti.
Contatti
Scrivi al nostro staff per consigliare, parlare e informare su nuovi eventi o notizie di numismatica.
Collaborazione
In questa sezione puoi informati per diventare nostro collaboratore per arricchire questo portale.
Pubblicità sul portale
Inserite la vostra pubblicità sul nostro portale per farvi conoscere in tutta la rete.
 
 
 
 
Abbreviazioni
Le abbreviazioni più comuni che si scovano nei testi e nei cataloghi di numismatica.
Conservazione
Sezione dove sono riportate le diciture e le abbreviazioni riguardo la conservazione dei vari paesi.
Datazione
Descrizione delle varie datazioni e calendari del mondo per identificare al meglio le banconote e monete.
Valute del mondo
In questa sezione sono riportate tutte le valute del mondo e loro sistema monetario.
Guida all'euro
Conoscere le utime uscite, le date, la reperibilità e le raffigurazioni sulle monete in euro.
Stemmi
Riconoscere gli stemmi dei paesi e delle loro banche che compaiono sulle banconote e monete.
Note speciali
Argomenti con note speciali che riguardano tutto il mondo numismatico.
La stroria del...
Ripercorrere, tramite le fonti, la storia di tante banconote e monete di molto tempo fa.
Descrizione banconta
Leggi la descrizione dettagliata delle varie parti di una banconota per meglio riconoscerla.
Descrizione moneta
Leggi la descrizione dettagliata delle varie parti di una moneta per meglio riconoscerla.
Descrizione euro
Leggi la descrizione delle banconote in euro e scopri molte curiosità su di esse.
Mappa del sito
Ricercare i contenuti del nostro portale in maniera sequenziale e ordinata.
 
Copyright © 2002-2017 Banconote Mondiali.it. All rights reserved.
I nostri prodotti - Privacy & Cookies - Powered by Eureka Studio