Area myBM
Username Password  
Non ricordi i tuoi dati?
Non hai un account? Crealo!
   Benvenuti in Banconote Mondiali.it: il tuo portale sulla Numismatica!!! Facebook | Twitter | MySpace
GEN
2
  Il ducato d'oro ovvero lo zecchino veneziano
Tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo, Genova, Firenze e Venezia, le potenze economiche più importanti del tempo, introdussero rispettivamente il genovino, il fiorino e il ducato. Dopo l’uscita dai “secoli bui” dell’Alto Medioevo, queste emergenti potenze ebbero a disposizione, per un notevole periodo di tempo e per i loro commerci, una quantità sufficiente di monete d’oro e d’argento già battute da altre zecche, principalmente quelle arabe e bizantine. Fra queste la moneta base era il dinar arabo, denominato negli scritti notarili del tempo “marabottino” o “massamutino”, che aveva un contenuto d’oro fino (cioè a 1000 millesimi) e un peso di circa 3.5 grammi. Ad un certo punto, però, queste monete non bastarono più e nacque così la condizione per una coniazione di monete d’oro tutta italiana e più precisamente dell’Italia Cisalpina. Fu Genova, tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo, a coniare una moneta d’oro equivalente a 12 denari d’argento, denominata “mezza quartarola”, a cui seguì l’“intero” o “genovino”, nel 1250. Due anni dopo Firenze introdusse il suo fiorino (vedi articolo “Fiorino d’oro”). Dall’età romana queste si presentarono come le prime coniazioni auree in Italia e in tutta l’Europa occidentale. Durante buona parte del Medioevo, infatti, venne usato l’altro metallo prezioso, l’argento, per la battitura di monete. Nonostante si registrava una larga diffusione della nuova specie aurea, però, le monete argentee non vennero mai definitivamente cancellate, dando origine al nuovo periodo storico denominato bimetallismo. Il ducato veneziano fu coniato, invece, dopo circa trent’ anni, con lo stesso peso, 3.5 grammi d’oro quasi puro, e lo stesso titolo del fiorino di Firenze. Come quest’ultimo, il suo peso, il suo valore intrinseco e il suo titolo, aveva al massimo il tre per mille d’ impurità, rimasero pressocchè invariati fino al crollo della Repubblica nel 1797, diventando l’orgoglio di Venezia e di tutti i veneziani.
La tesi più accreditata fa risalire la coniazione del primo ducato al 31 ottobre 1284, sotto il dogato di Giovanni Dandolo. Si trattava di una moneta molto sottile, come del resto accadeva per tutte le moneta dell’epoca di qualsiasi metallo esse fossero, che sostituì il cosiddetto “grosso” o “matapan”, una moneta d’argento di circa 2.17 grammi in circolazione a Venezia dal 1202. Al dritto presentava S. Marco che, aureolato e con una sontuosa veste, teneva il Vangelo nella mano sinistra e che, volgendosi a destra, porgeva al doge genuflesso un’orifiamma, su cui si trovava la croce. Il doge aveva un manto ornato di pelliccia, sul capo il berretto ducale e stringeva l’asta dell’orifiamma con entrambe le mani. Al rovescio vi era Gesù Cristo in piedi, avvolto in una lunga veste: con la mano sinistra teneva il Vangelo e con la destra benediceva. Il Redentore, inoltre, ascendeva in un’ aureola ellittica cosparsa di 9 stelle, 4 a sinistra e 5 a destra, stelle che sarebbero aumentate sotto altri dogi. Per alcuni il ducato, però, deriverebbe da un duca di Ferrara, che l’avrebbe fatto battere nel VI secolo; per altri da Ruggero II di Sicilia, duca delle Puglie, che l’avrebbe voluta, nel 1110, con l’immagine del Cristo. In ogni caso i ducati presero questo nome in quanto vi era impressa la figura del doge (duca).
Durante la metà del XV secolo, il valore legale del ducato fu fissato in 124 soldi di piccoli d’argento; il ducato divenne perciò una moneta di conto, alla quale fu dato un corrispondente battendo ducati d’argento. Da questo momento si chiamò “zecchino” (da Zecca) e non più ducato. Fu, infatti, sotto il dogato di Francesco Donà ( 1545 – 1553) che si trova sempre più spesso la parola “cechino”, da qui zecchino, per indicare il ducato d’oro anche nei documenti pubblici. L’ultimo doge sotto cui si ebbero i ducati fu Pietro Lando (1539 – 1545). Poi con Francesco Donà e Marcantonio Trevisan (1553 – 1554), le monete si chiamarono indifferentemente ducati o zecchini.
Il primo doge, sotto il quale la moneta si chiamò, invece, pubblicamente zecchino, fu Francesco Venier (1554 – 1559). I dogi che fecero coniare ducati o zecchini furono 73 a partire da Giovanni Dandolo (1284) che fu il 48° doge e finendo con Ludovico Manin che fu il 120°. Con quest’ultimo terminò anche l’entusiasmante storia della Repubblica della Serenissima.
Prima della scoperta dell’America il ducato era la principale misura delle ricchezze: d’oro purissimo e di peso costante, era un punto di riferimento per ogni valutazione. La quantità d’oro fino di cui era costituito, era quella giusta per un pagamento di media importanza, quale un abito non di lusso, una ricca cena tra amici, le grazie di una cortigiana di media beltà. Dopo il 1492, con l’afflusso d’oro che si ebbe in Europa dall’America, la quantità ottimale di metallo prezioso progressivamente si assestò su pesi maggiori: nel sei-settecento, la pistola o doblone con circa sei grammi, poi il Luigi con lo stesso peso di oro puro e la sterlina con oltre un grammo in più. Prima di tanta inflazione lo zecchino dominò incontrastato non solo in Europa ma anche in Africa ed in Asia, dove rimase poi a lungo nella tradizione e nella pratica. Era cambiato e accettato ovunque anche nei paesi non cristiani, nonostante l’immagine del Redentore, ed era il più coniato del tempo. Il 20% dell’oro mondiale, infatti, era impiegato per la sua battitura. A Ceylon era particolarmente gradito perché gli indigeni vedevano nelle figure della moneta la rappresentazione di uno dei loro mestieri più popolari: la raccolta del nettare di cocco. Chiunque era infatti capace di riconoscere la figura di un santo, mentre non c’era spiegazione per l’uomo inginocchiato davanti a lui se non immaginarlo nell’atto di prepararsi a salire la palma (la lunga asta tra i due, con in cima il vessillo o la croce).
Ci sono pervenute molte monete d’oro del tempo. I ducati veneziani o zecchini, nello specifico, presentano le tracce della piega lungo una linea corrispondente al diametro. Come è noto infatti, l’oro puro è più “tenero” dell’oro legato con argento o rame, quindi, la mancanza di impurità del ducato veniva provata nella quotidianità e in base all’esperienza piegando le monete stesse e poi raddrizzandole. Ecco perché molto spesso ci capita di vedere, in televisione o al cinema, pirati che saggiano monete con procedimenti altamente “tecnologici”: mordendole. Verificano la loro tenerezza e quindi purezza… non è fame…semmai fame d’oro!!!

 
 
 
 
 
 
 
News
Tutte le notizie sulle banconte e monete riguardo il mondo della numismatica.
Nuove emissioni
Raccolta di articoli riguardo tutte le nuove emissioni internazionali di banconote e monete.
Collezione Gulden
Ammira la collezione nazionale ed internazionale di banconte e monete di Gulden.
Collezioni utenti
Guarda tutte le collezioni dei nostri utenti registrati. Registrati e crea la tua collezione in pochi click.
Un pò di storia
Leggi la storia dettagliata e le curiosità sulla nascita e l'utilizzo della moneta e della banconota.
Personaggi storici
Scopri chi sono i personaggi storici che si celano dietro ogni banconta e moneta.
Curiosità
Tutte le curiosità più strane, divertenti, assurde sul mondo delle monete e delle banconote.
Plastificate
Sezione dedicata a tutte le banconte plastificate che sono in circolazione nel mondo.
Commemorative
Ammira le monete commemorative emesse per ricordare personaggi o eventi.
Eventi
Scopri i luoghi e le date degli eventi nazionali: convegni, mostre e aste sul mondo numismatico.
Riviste
Sezione dedicata alla riviste che trattano l' argomento banconote e monete.
Banknotes Art - Test Note
Esposizione di Banknotes Art e delle Test Note.
 
 
 
 
Albo dei venditori
Iscriviti all'albo ufficiale dei venditori di banconote e monete di BM.it per farti conoscere nella rete.
Catalogo mondiale
Visita il catalogo mondiale delle banconote. All'interno troverai le nostre valutazioni.
Inserisci la tua collezione
Registrati e inserisc in modo facile la tua collezione di banconote e monete in pochissimi click.
Account myBM.it
Registrati e crea il tuo nuovo account con BanconoteMondiali.it per usufruire di tanti servizi.
Forum
Apri argomenti e discuti con gli altri utenti ed esperti sul mondo della numismatica.
Chat
Zona del sito per chiacchierare in compagnia di altri collezionisti di BanconoteMondiali.it
BM sul tuo cell e palmare
BanconoteMondiali.it ora è può essere visitato anche tramite cell e palmare.
Sondaggi
Qui puoi dare la tua opinione su alcuni sondaggi creati dallo staff riguadanti la numismatica.
Concorsi
Scopri i concorsi banditi da BM.it. In palio ci sono stupendi regali per tutti i collezionisti.
Contatti
Scrivi al nostro staff per consigliare, parlare e informare su nuovi eventi o notizie di numismatica.
Collaborazione
In questa sezione puoi informati per diventare nostro collaboratore per arricchire questo portale.
Pubblicità sul portale
Inserite la vostra pubblicità sul nostro portale per farvi conoscere in tutta la rete.
 
 
 
 
Abbreviazioni
Le abbreviazioni più comuni che si scovano nei testi e nei cataloghi di numismatica.
Conservazione
Sezione dove sono riportate le diciture e le abbreviazioni riguardo la conservazione dei vari paesi.
Datazione
Descrizione delle varie datazioni e calendari del mondo per identificare al meglio le banconote e monete.
Valute del mondo
In questa sezione sono riportate tutte le valute del mondo e loro sistema monetario.
Guida all'euro
Conoscere le utime uscite, le date, la reperibilità e le raffigurazioni sulle monete in euro.
Stemmi
Riconoscere gli stemmi dei paesi e delle loro banche che compaiono sulle banconote e monete.
Note speciali
Argomenti con note speciali che riguardano tutto il mondo numismatico.
La stroria del...
Ripercorrere, tramite le fonti, la storia di tante banconote e monete di molto tempo fa.
Descrizione banconta
Leggi la descrizione dettagliata delle varie parti di una banconota per meglio riconoscerla.
Descrizione moneta
Leggi la descrizione dettagliata delle varie parti di una moneta per meglio riconoscerla.
Descrizione euro
Leggi la descrizione delle banconote in euro e scopri molte curiosità su di esse.
Mappa del sito
Ricercare i contenuti del nostro portale in maniera sequenziale e ordinata.
 
Copyright © 2002-2017 Banconote Mondiali.it. All rights reserved.
I nostri prodotti - Privacy & Cookies - Powered by Eureka Studio